PROGETTO IMPROVING

Moduli D - La pianificazione progettuale

Project Management e Project Manager:
la gestione del progetto

ARGOMENTI

MODULO D

La gestione di progetto (Project Management) non è una scienza esatta, tuttavia, gestire un progetto significa garantire il raggiungimento dell’obiettivo definitivo. A tal fine, serve un sistema di gestione capace di governare – mediante un processo continuo di pianificazione e controllo – tutta una serie di variabili (strumenti, metodologie, tecniche logiche, know how, uomini, logiche organizzative) che con pesi differenziati contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto.

Quindi, il Project Management (PM) è una combinazione di uomini, risorse e fattori organizzativi riuniti temporaneamente per raggiungere obiettivi definitivi, aventi vicoli interdipendenti di tempo-costo-qualità.

Schematizzando, il PM è:

MODULI

Principali vantaggi connessi al PM:

-        stabilire obiettivi quantificabili

-        identificare con chiarezza le responsabilità legate alla esecuzione dei progetti

-        ottimizzazione sinergica degli impegni settoriali

-        garanzia di coerenza nell’applicazione dei principi di programmazione e controllo dei progetti

-        tempestiva individuazione dei problemi che possono condizionare l’andamento dei progetti e, conseguentemente, la possibilità di intraprendere azioni correttive.

In tutto questo, fondamentale è la figura del Project Manager, responsabile del progetto che assume il ruolo di integratore principale.

Il ruolo del project Manager, infatti, è quello di interfacciarsi con diversi stakeholders, integrandone così la conoscenza e l’andamento dei lavori rispetto al progetto in particolare, e alla mission/vision dell’azienda, in generale.

Il Project Manager, a diversi livelli, si relaziona con:

-        Top Management, da cui recepisce le politiche sociali e con cui si rapporta dando feedback relativi all’avanzamento delle commesse.

-        Cliente, il cui rapporto è costante, sia per tenerlo aggiornato sull’avanzamento delle proprie commesse e ottenere così feedback sul lavoro svolto, anche per eventuali scostamenti e miglioramenti, sia per sondare le esigenze del cliente al fine di soddisfarle.   

-        Risorse umane, assegnate al progetto, fondamentale istaurare un ottimo clima di lavoro con il proprio team, al fine di superare i vari ostacoli (organizzativi, relazionali) che possono emergere durante la realizzazione delle attività progettuali. A tal proposito, assumono particolare importanza le capacità di mediare, stimolare e motivare le risorse umane assegnate al progetto.

-        Line managers, altri progetti: mantenere i contatti con i livelli manageriali superiori sempre sulle aree di problemi e sull’avanzamento del progetto.

A completamento del ruolo del Project Manager, di seguito, i principali compiti:

-        realizzare il prodotto o il risultato finale rispettando le specifiche tecniche, di costi e di tempi;

-        pianificare il contenuto del progetto, che verrà successivamente definito nella pianificazione dettagliata dai work packages manager;

-        scegliere e coordinare le risorse umane e guida del team di lavoro;

-        prendere le decisioni opportune per il conseguimento degli obiettivi prefeissati;

-        controllare stato dell’arte e di avanzamento dei lavori, comunicare ai superiore eventuali scostamenti.

Alla luce del ruolo e dei compiti affidati, il Project Manager è quella risorsa che di distingue per  un insieme di capacità gestionali e competenze che, per facilità di esposizione, possiamo suddividere in tre aree: tecnica, relazionale e gestionale.

Competenze tecniche:

-        esperienza consolidata in aree specialistiche

-        conoscenza di base su alcune discipline necessarie per trattare con gli specialisti

Competenze relazionali:

-        buon negoziatore

-        gestore di conflitti

-        esperto di leadership

-        capacità di sviluppare spirito di team

Competenze gestionali:

-        amministratore di contatti con orientamento al profitto

-        buona conoscenza degli strumenti e dei metodi del PM

-        conoscenze economiche e di amministrazione aziendale

-        confidenza con i sistemi informativi.

APPRENDIMENTO PERMANENTE  IN ITALIA
Roma

Acireale

Bari

Battipaglia

Biella

Bologna

© 2019 UNIEDA - Unione Italiana di Educazione degli Adulti - C.F. 97154290585
Via Quattro Novembre, 157 - 00187 Roma - Tel. 066920431  - Fax. 0669204360 - presidenza@unieda.it